Lo stato dei Social Media nel 2012

Nielsen ha appena pubblicato un report in cui analizza ciò che è successo nel 2012 nell’arena dei Social Media. I risultati ci dicono ovviamente qualcosa anche e soprattutto su ciò che succederà domani, se li sappiamo interpretare.

Ecco alcuni dati sintetici, il report completo in inglese è disponibile sul blog di Nielsen.

I Social Media ed il Social Networking non sono più giovani ed immaturi. Oggi rappresentano un fenomeno globale sia dalla parte dei consumatori e dei professionisti che vi ricercano soluzioni ai loro problemi sia dalla parte delle aziende e dei brand che li usano per ingaggiare conversazioni con le loro audience. Una prova del fatto che “i Social” sono un fenomeno globale?

Immagine1

Persino la televisione non è più il re incontrastato delle nostre serate, poichè cresce sempre di più la percentuale di coloro che vedono la televisione usando Social Media allo stesso tempo. Questo lascia ovviamente spazio al fenomeno della Social TV che dovrebbe affermarsi nel 2013, anche se le percentuali variano molto da continente a continente e l’Europa non va oltre il 38% della popolazione che ammette questi comportamenti.

Un altro dato che personalmente abbiamo trovato straordinario è l’analisi dei luoghi dai quali gli internauti si collegano ai Social Media. Il dato varia molto da una popolazione di età ad un’altra ma è comunque sorprendente pensare che circa un terzo della popolazione giovane che va dai 18 ai 24 anni usa i Social Media soprattutto dal bagno, mentre le persone dai 25 ai 34 anni si connettono per oltre la metà dai luoghi di impiego professionale.

La prima chart  testimonia anche in modo visuale ed estremamente esplicito le abitudini delle diverse popolazioni di età rispetto all’uso dei Social Media…

Mentre nella seconda vediamo che  l’impatto dei tablet è estremamente forte in quanto agisce sia sull’uso simultaneo di shopping online e di televisione sia sull’accesso ai social network mentre si sta assistendo ad un programma televisivo.

In altri termini la popolazione mondiale si sta preparando ad uno scenario in cui si fanno sempre più cose allo stesso tempo, utilizzando più device, parlando con più persone contemporaneamente ed utilizzando in modo sintetico una grande massa di informazioni per prendere decisioni di acquisto o per convogliare sensazioni e comunicazioni ad altre persone. Il fenomeno dei Social Media in questo senso cambia la vita quotidiana delle persone e delle famiglie.

Alcune considerazioni finali che servono ad arricchire il quadro e a meglio capire come si comporteranno questi fenomeni l’anno prossimo sono le seguenti. I dispositivi mobile finiranno per essere preferiti ai PC nell’accesso ai social network e questo già succede oggi per le popolazioni da 25 a 44 anni.

C’è da prevedere un calo di Facebook? Questo non è ancora del tutto visibile in Europa ma negli Statu Uniti è già realtà, perchè i visitatori unici sono in calo del 4% rispetto al periodo precedente mentre Twitter è in forte ascesa, Linkedin è sostanzialmente stabile e Pinterest sta esplodendo.

Ma perchè ci si connette ai Social Media? Il dato interessante e confortante è che ci si connette soprattutto per meglio conoscere le persone nella vita reale, nonchè per essere aggiornati sugli amici comuni.

Fateci sapere che cosa vi sorprende, quello che vi interessa approfondire, quello che vorreste usare per il vostro business ed altro ancora. Scrivete a massimo.facchinetti@oneteam.it

Buona giornata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...